NAPAPJIRI Uffici

Aosta

Il progetto riguarda la nuova sede della Napapijri, azienda che lavora nel settore dell'abbigliamento sportivo e del tempo libero. Fin dalle prime riflessioni ci è stato chiaro che il compito principale del progetto sarebbe stato quello di dare forma architettonica al lungo e tortuoso percorso di accesso agli spazi lavorativi collocati al primo livello. Piuttosto che cercare mediazioni spaziali, il progetto tende a caricare espressivamente i punti di snodo del percorso facendoli diventare episodi di una trama narrativa. Un ruolo fondamentale assume in quest'ottica l'uso delle contrapposizioni di colore; il rosso traccia il filo ''conduttore'' del percorso. I lunghi corridoi diventano delle gallerie espositive del repertorio di immagini che definiscono il ''mondo di riferimento'' dell'azienda.

L'ingresso agli uffici avviene attraverso un ''pesante'' portone in ferro con rivettature a vista e oblò quadrato che ricorda le porte delle navi. Reception e spazio per l'attesa contrapposti e inquadrati da due robusti portali costituiscono il canocchiale prospettico del fulcro spaziale intorno al quale si organizza l'intero impianto planimetrico. Si tratta di una sorta di piazza distributiva al centro della quale è collocato un volume di vetro strutturato con sottili telai in alluminio rivestito in legno laccato; sulle pareti vetrate, dalla parte interna sono state applicate pellicole trasparenti su cui è stata stampata un'immagine tratta anch'essa dal repertorio Napapijri.

Una gola di luce nel soffitto lungo il perimetro della stanza trasforma questo spazio in un grande corpo luminoso. Al centro della stanza è collocato un tavolo quadrato per le riunioni. Gli uffici operativi sono connotati da basse scansioni murarie che separano le postazioni di lavoro e definiscono uno zoccolo color amaranto coronato da una cornice in legno laccato. Attraverso la progettazione dei principali elementi d'arredo, realizzati su disegno, abbiamo cercato di evitare la convenzionale immagine degli spazi ufficio.



© 2014 DeCarloGualla